la sindrome metabolica

COSA È LA SINDROME METABOLICA…

È una sindrome clinica che determina una grave condizione di rischio cardiovascolare e cerebrale, uno stato di salute più a rischio di patologie e un’aspettativa di vita più breve.

Essa è definita dalla compresenza di almeno 3 di 5 fattori di rischio (Sovrappeso/Obesità; Ipertensione Arteriosa; Ipertrigliceridemia; Ipercolesterolemia; Insulino Resistenza/Iperglicemia).
Tali fattori di rischio sono  profondamente legati al sovrappeso e all’obesità addominale e uniti insieme espongono il soggetto ad un elevato rischio di incorrere in malattie cardiache ed in altre patologie quali il diabete e l’ictus.

LE CAUSE della sindrome metabolica sono da ricercare in una combinazione di scorrette abitudini (alimentazione, scarsa attività fisica, fumo) e predisposizione familiare (genetica).

SI DEFINISCE IN SINDROME METABOLICA UNA PERSONA CHE PRESENTI ALMENO 3 DEI SEGUENTI PARAMETRI ALTERATI:

PARAMETRI VALORI
Circonferenza Vita superiore a 88 cm (donne)
superiore a 102 cm (uomini)
Pressione Arterioriosa superiore a 130/85 mmHg
Trigliceridi

superiore a 150 mg/dL

Colesterolo HDL (buono) inferiore a 40 mg/dL  (donne)
inferiore a 50mg/dL (uomini)
 Glicemia  superiore a 110 mg/dL

* National Cholesterol Education Expert Panel(NCEP)  on Detection, Evaluation, and Treatment of High Blood Cholesterol in Adults (Adult Treatment Panel III – ATPIII)

  • Singolarmente sembrano piccoli segnali d’allarme, spesso considerati con sufficienza.
  • Insieme queste alterazioni (almeno 3 di esse) costituiscono un importante elemento di rischio per la salute della persona.
  • I rischi aumentano proporzionalmente al numero di fattori di rischio presenti.

IL SOVRAPPESO: IL FATTORE DI RISCHIO SCATENANTE

L’accumulo di grasso addominale ha un ruolo determinante nell’insorgere dei diversi fattori di rischio: tanto più questo è accentuato e tanto maggiori sono le probabilità di essere colpiti dalla sindrome metabolica.

Un eccesso di grasso corporeo, soprattutto se addominale, porta ad uno squilibrio del metabolismo dei grassi e degli zuccheri, all’ipertensione arteriosa e all’iperinsulemia (elevato livello di insulina nel sangue, indice di un’aumentata resistenza a questo ormone) .

Obesità e mancanza di attività fisica possono modificare il metabolismo degli zuccheri (iperglicemia) e dei lipidi abbassando il colesterolo HDL (buono) e aumentando i triglicerdidi nel sangue. Questa situazione facilita la formazione di placche nelle arterie da parte del colesterolo LDL (cattivo), spesso causa di malattie cerebro e cardiovascolari quali arteriosclerosi, ictus, infarto… L’insulino resistenza accentua il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

I momenti fondamentali del trattamento della sindrome metabolica sono pertanto mirati alla riduzione del peso in eccesso e al miglioramento dei singoli fattori di rischio.

La riduzione del grasso addominale, e quindi della resistenza all’insulina, tiene lontano i rischi della Sindrome Metabolica.

“La riduzione del peso corporeo determina la diminuzione dei livelli di trigliceridi e colesterolo, un incremento  del colesterolo “buono” HDL, una riduzione dei livelli della pressione arteriosa, dell’Insulino resistenza , dei livelli di proteina C reattiva e di altre proteine pro-trombotiche”

BIBLIOGRAFIA

  • Alberti KG Harmonizing the metabolic syn-drome: a joint interim statement of the Interna-tional Diabetes Federation Task Force on Epide-miology and Prevention; National Heart, Lung, and Blood Institute; American Heart Association; World Heart Federation; International Athero-sclerosis Society; and International Association for the Study of Obesity. Circulation. 2009 Oct 20;120(16):1640-5. Epub 2009 Oct 5.

  • Alberti KG, Zimmet P, Shaw J, for the IDF Epidemiology Task Force Consensus Group. The metabolic syndrome – a new worldwide definition. Lancet 2005; 366: 1059-62.

  • Alberti KGMM, Zimmet P, Shaw J: Metabolic syndrome- a new world-wide definition. A consensus Statement from the International diabetes Federation. Diabetic Medicine 2006; 23: 469-80.

  • Alexander CM, Landsman PB, Teutsch SM, Haffner SM. NCEP-defined metabolic syndrome, diabetes, and prevalence of coronary heart disease among NHANES III participants age 50 years and older. Diabetes 2003; 52: 1210-4.

  • American Diabetes Association. Screening for type 2 diabetes. Diabetes Care 2004; 27: s11-s14.

  • Avogaro P, Crepaldi G. Essential Hyperlipemia, obesità and diabetes. Proceedings of the Annual Meeting of the European Association for the study of Diabetes. Montecatini Terme 1965, Abs n.53.